Motori di ricerca italiani


Motori di ricerca Italiani

Motori di ricerca italiani: Google, Bing, Yahoo, Ask, Lycos, Excite, Altavista, Libero/Arianna, Alice/Virgilio, Tiscali, Kataweb.


motore di ricerca italiani
In Italia, oltre ai motori di ricerca internazionali più popolari che hanno la loro estensione .it come Google, Bing, Yahoo, Ask, Lycos, Excite, Altavista, sono presenti anche altri motori strettamente italiani.

Anche se Google rimane il più utilizzato, in misura minore abbiamo Bing, e Yahoo, e fanno da padroni in questo campo, di seguito vediamone alcuni tra i più noti ed utilizzati in Italia.
In sintesi possiamo dire che siamo messi veramente male, credo che siamo uno dei pochi paese industrializzati che siano in questa condizione.

Libero/Arianna: è il più noto dei motori di ricerca italiani, ha molti servizi tra cui la possibilità di avere un account di posta elettronica è orientato soprattutto alle aziende ed ha un vasto numero di siti web nel proprio archivio. Le ricerche sono sempre pertinenti, ma non considera tutti i meta tag inseriti delle pagine web.

Alice/Virgilio: nonostante sia più un portale di informazioni, può essere utilizzato come motore di ricerca e i siti degli archivi sono spesso selezionati manualmente dai redattori per garantire qualità.

Tiscali: nel tempo ha perso la vocazione di motore di ricerca ed è diventato più un aggregatone di informazioni e notizie e si appoggia per le ricerche ad altri siti.

Kataweb:
motore kataweb

come notate non sanno neanche fare un indirizzamento sicuro su https! Un portale con notizie per le ricerche si appoggia ad altri siti come per esempio Google o del gruppo l’Espresso S.p.A.




Il Trovatore: è motore italiano ma peccato che sia andato a finire molto male...

Aristotele: oramai è un motore in pieno declino, senza senso, pieno di pubblicità, e con nessun futuro, peccato, in sintesi è simile a Tiscali e Kataweb come concezione.

Da segnalare:
Istella*: nuovo motore di ricerca che vuole essere un aggregatore dinamico, lasciando libera la contribuzione dell'utente, dimenticando che così facendo diventa una directory!

Da segnalare è TheSpider che anche se più che un motore è una directory ha tratti di originalità e senso!

Commenti